Cerca
  • CSA Offida srl

Decreto Sostegni bis, riscossione sospesa fino al 30 giugno 2021


Il decreto Sostegni bis prevede il differimento di 2 mesi - fino al 30 giugno 2021 - della sospensione delle attività dell'Agente della riscossione. Si tratta di una misura che era stata già anticipata dal Ministero dell’Economia e delle finanze con comunicato stampa del 30 aprile 2021 e riguarda tutti i versamenti derivanti dalle cartelle di pagamento, dagli avvisi di addebito e dagli avvisi di accertamento esecutivi affidati all’Agente della riscossione, nonché l’invio di nuove cartelle e la possibilità per l’Agenzia di avviare procedure cautelari o esecutive di riscossione, come fermi amministrativi, ipoteche e pignoramenti.


Il Consiglio dei Ministri del 20 maggio 2021 ha approvato il decreto Sostegni bis, che introduce ulteriori misure urgenti connesse all'emergenza da Covid-19, per le imprese, il lavoro, i giovani, la salute e i servizi territoriali. Lo ha ricordato l'Agenzia delle Entrate-Riscossione: il decreto prevede il differimento di 2 mesi, fino al 30 giugno 2021, della sospensione delle attività dell'Agente della riscossione. Questa misura - già anticipata dal Ministero dell’Economia e delle finanze con comunicato stampa del 30 aprile 2021 - riguarda tutti i versamenti derivanti dalle cartelle di pagamento, dagli avvisi di addebito e dagli avvisi di accertamento esecutivi affidati all’Agente della riscossione, nonché l’invio di nuove cartelle e la possibilità per l’Agenzia di avviare procedure cautelari o esecutive di riscossione, come fermi amministrativi, ipoteche e pignoramenti. Restano sospese anche le verifiche di inadempienza che le pubbliche amministrazioni e le società a prevalente partecipazione pubblica devono effettuare, ai sensi dell’art. 48-bis del D.P.R. n. 602/1973, prima di disporre pagamenti di importo superiore a 5.000 euro. Infine restano validi gli atti e i provvedimenti adottati e gli adempimenti svolti dall’agente della riscossione nel periodo dal 1° maggio 2021 alla data di entrata in vigore del decreto.


Fonte: www.ipsoa.it