Cerca
  • CSA Offida srl

Tax credit locazioni

L’Agenzia delle Entrate è intervenuta sul tema del tax credit locazioni, il credito che spetta ai soggetti esercenti attività d'impresa, arte o professione, con ricavi o compensi non superiori a € 5 milioni nel periodo d'imposta 2019.

La legge di Bilancio 2021 (c. 602) ha esteso il credito fino al 30 aprile 2021 per le imprese turistico-ricettive, le agenzie di viaggio e i tour operator, a condizione che questi soggetti abbiano subito un calo del fatturato di almeno il 50%, da valutare confrontando “i corrispettivi nel mese di riferimento dell'anno 2021” rispetto a quelli registrati “nello stesso mese dell'anno 2019.

Riguardo al pagamento dei canoni, la norma faceva riferimento a quanto “versato nel periodo d'imposta 2020” lasciando intendere che il credito spettasse solamente per i versamenti effettuati nel corso del 2020. L’Agenzia delle Entrate con la Risposta del 5 ottobre 2020 n. 440 ha chiarito che il tax credit locazioni compete anche se il pagamento dei canoni agevolabili è avvenuto nel corso del 2019 o avverrà nel corso del 2021, purché faccia riferimento ai mesi ammessi all’agevolazione e, in ogni caso, il credito è utilizzabile solo dopo il pagamento.

Altro chiarimento fa riferimento all'ipotesi di cessione del credito d’imposta, nel caso in cui il cessionario abbia accettato la cessione del credito entro il 31.12.2020, ma non lo abbia utilizzato in compensazione entro tale data, in tal caso può riportare il credito nella dichiarazione dei redditi 2021 (periodo d'imposta 2020), utilizzandolo in compensazione con i debiti che emergeranno dalla medesima dichiarazione.

L'Agenzia delle Entrate inoltre chiarisce cha, ai fini del calcolo del credito spettante, costituisce una componente del costo:

- l'eventuale IVA totalmente indetraibile ai sensi dell'art. 19-bis.1 DPR 633/72;

- l'IVA indetraibile per effetto dell'opzione per la contabilità separata (art. 36-bis DPR 633/72).